Credeva avesse 75.200 Km e invece scopre che …

Recentemente ho fatto visita ad un mio amico Meccatronico e mentre bevevamo un caffè nella saletta d’attesa della sua officina, mi racconta che un suo cliente è arrivato di buon mattino con una Toyota Rav del 2013, comprata da un amico che a sua volta l’aveva avuta in eredità da un parente residente in Svizzera, per fargli un controllo sullo stato generale.

Il SUV si presentava molto bene si negli interni sia nella carrozzeria, il motore pulito e senza trafilamenti di alcun tipo nella parte superiore. Messo sul ponte sollevatore e tolte le protezioni sottoscocca, si evidenziava solo una leggera trasudazione di olio nel differenziale, ma nulla di grave.

La sorpresa

Il controllo è passato poi alla parte elettrica ed elettronica con la verifica di eventuali errori nelle centraline dei vari sistemi di gestione. Anche qui tutto in ordine salvo scoprire che nella centralina di iniezione i kilometri registrati erano 184.500 e non 75.200 come riportato sul cruscotto. La diagnosi sul quadro strumenti non è stato possibile farla in quanto il sistema dava un errore di comunicazione.

Il cliente quando è venuto a ritirare il veicolo è ovviamente caduto dalle nuvole, tant’è che l’amico, che gli aveva venduto il SUV, aveva anche firmato un foglio in cui dichiarava il chilometraggio riportato sul cruscotto, quindi anche in buona fede.

La contro prova

Il mio amico Meccatronico ha consigliato il cliente di andare in Toyota per fare una controprova e così è stato, con il risultato che i kilometri erano proprio stati alterati.

Il cliente non ha voluto denunciare il suo amico, anche perché è un reato penale e ha preteso che si riprendesse l’auto con le restituzione dei soldi e anche le spese del passaggio di proprietà.

Cosa ci insegna questo episodio

Questa storia insegna che innanzitutto, se sei un Meccatronico 4.0, non solo su richiesta ma anche e soprattutto nella fase di Check-in della macchina, è assolutamente indispensabile fare una scansione di tutte le centraline e riportare i risultati nel proprio CRM.

Oggi esistono strumenti come http://www.proffi.it che tracciano interventi di manutenzione e riparazione, km dell’auto, ricambi, cambio gomme, diagnosi ecc. Avere questo dato nel proprio Data Base, è indispensabile anche per fare un controllo incrociato con i kilometri riportati sul certificato di revisione, dato obbligatorio dal 2018.

Si rischia la galera

Il legislatore ha inserito i kilometri sul certificato di revisione proprio per evitare le frodi quando si va comprare un’auto usata e bisogna sapere che il venditore incorre in una responsabilità Penale per il reato di truffa, Contrattuale e Costituzionale con multe anche salate e rischio di detenzione.

Conoscere il reale kilometraggio dell’auto è indispensabile per il Meccatronico 4.0 al fine di non sbagliare la diagnosi e di consigliare una appropriata manutenzione, proprio in funzione della reale percorrenza del veicolo così da non incorrere in riparazioni non adeguate.

La carta di identità elettronica

Le diverse associazioni di consumatori, le federazioni degli autoriparatori e tutto il settore Automotive, auspica la creazione di una carta d’identità elettronica per ogni auto o mezzo circolante al fine di evitare abusi e truffe ma anche per una forma di trasparenza nei confronti dell’automobilista, che si sentirà così più tutelato dal suo Autoriparatore di fiducia.

Saper riparare non basta più. Cambia Marketing!

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Accedi gratis ai primi 3 capitoli di «MECCATRONICO 4.0»

Saper riparare non basta più.Cambia marcia!

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco