“Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” Sai perché te ne parlo?

Mentre pulivo la soffitta dei miei genitori, mi sono imbattuto in un libro del 1974, “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”, di cui avevo sentito parlare casualmente alla radio e mi aveva colpito la recensione che il conduttore del programma aveva fatto.

Un libro che consiglio di leggere

L’autore del libro, Robert Pirsig, racconta la storia, realmente accaduta allo scrittore, che una mattina d’estate in sella alla sua vecchia moto, insieme al figlio undicenne e a una coppia di amici, parte dal Minnesota fino alle coste del Pacifico.

La vacanza è l’inizio di un percorso alla ricerca di se stessi, dove la metafora della manutenzione della motocicletta si intreccia con pensieri, ragionamenti ed emozioni.

Il metodo della riparazione

Un capitolo, in particolare, di questo libro mi ha portato a fare un parallelismo con il mondo della manutenzione delle auto, una riflessione sul modo di riparare oggi.

Mi ha fatto riflettere sul fatto che la maggior parte dei meccanici, hanno perso il “metodo” della riparazione, che porta alla soluzione dei problemi di una macchina. In pratica il riparatore ha perso la logica. Ecco alcuni estratti del libro, che mi hanno portato a scrivere questo articolo.

La logica induttiva e deduttiva

[…] Si usano due tipi di logica: la logica induttiva e la logica deduttiva. La prima [logica induttiva] parte dall’osservazione […] per arrivare a conclusioni generali. Per esempio: la moto supera una serie di cunette e ogni volta il motore perde colpi. Su un tratto di strada liscio corre senza perdere colpi, poi supera un’altra cunetta e il motore perde di nuovo colpi. Qui si può concludere logicamente che la perdita di colpi è causata dalle cunette.

 Cos’è la deduzione

La deduzione segue il processo inverso, ovvero parte da una conoscenza generale per prevedere un’osservazione specifica. Per esempio, se chi lavora sulla moto ha letto la descrizione gerarchica della struttura della moto stessa e sa che il clacson è alimentato esclusivamente dalla batteria, può dedurre logicamente che se la batteria è scarica il clacson non funzionerà. Questa è una deduzione.

 Il ragionamento è alla base

Certi problemi, troppo complicati per il senso comune, possono essere risolti solo grazie a una lunga catena di ragionamenti, tanto induttivi che deduttivi, che fanno la spola tra la macchina osservata e la gerarchia mentale della macchina descritta nei manuali.

Per trovare la soluzione seguire questi punti

 […] A volte basta annotare i problemi per chiarirsi le idee. Gli enunciati logici da annotare su un quaderno sono da dividere in sei categorie: 1. Enunciato del problema. 2. Ipotesi delle cause del problema. 3. Esperimenti destinati a verificare ciascuna ipotesi. 4. Risultati probabili degli esperimenti. 5. Risultati effettivi degli esperimenti. 6. Conclusioni sulla base dei risultati degli esperimenti. […] Lo scopo qui è di orientare il pensiero in modo preciso.

Prima era tutto più semplice

Fino a prima dell’avvento della benzina verde e dei sistemi di iniezione elettronica, per il meccanico era semplice riparare qualsiasi tipo di automobile. Il tipo di ragionamento descritto da Pirsig era normalmente applicato, bastava la logica induttiva e la conoscenza (logica deduttiva) dell’auto in generale ma nello specifico del funzionamento degli organi meccanici, per trovare il problema e quindi la soluzione, accompagnata dalla riparazione.

Con la complessità si è persa la logica

Oggi con l’avvento dell’elettronica e di tutti i dispositivi antinquinamento, di sicurezza attiva e passiva e chi più ne ha più ne metta, le cose si sono complicate di molto. Oggi possiamo dire che il motore e gli organi meccanici in generale, sono una parte secondaria, perché la parte del padrone la fa l’elettronica.

La conseguenza è che la logica induttiva diventa più sottile, in quanto le variabili di un problema possono essere indotte e causate da innumerevoli fattori e componenti meccanici ma soprattutto elettrici ed elettronici, presenti su un’auto.

Mentre la logica deduttiva, che deriva dalla conoscenza dovrebbe essere garantita dai corsi di aggiornamento professionale, dalle informazioni tecniche a disposizione come i manuali di riparazione e non dalla sola esperienza.

Un aiuto prezioso ma non è la soluzione definitiva

Nel caso della logica induttiva viene comunque incontro al Meccatronico 4.0 il sistema di autodiagnosi presente sulla vettura che registra i malfunzionamenti che possono essere verificati da sofisticati sistemi di controllo come i tester diagnostici.

Purtroppo il meccanico generico pensa che lo strumento dica sempre la verità e di conseguenza basta seguire le indicazioni presenti a monitor e sostituire il componente evidenziato per risolvere qualsiasi problema.

Sfortunatamente non è così, perché lo strumento si limita a evidenziare quello che la centralina ha da se diagnosticato come anomalia, ma non è detto che quello che la memoria ha registrato come errore, sia effettivamente la causa o una conseguenza.

Il dato va invece interpretato e verificato, cosa che solo un Meccatronico 4.0 fa, mentre un semplice meccanico generico fa raramente.

“Il vero scopo del metodo scientifico è quello di accertare che la natura non ti abbia indotto a credere di sapere quello che non sai.“ Robert Pirsig

Saper riparare non basta più. Cambia Marketing?

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Accedi gratis ai primi 3 capitoli di «MECCATRONICO 4.0»

Saper riparare non basta più.Cambia marcia!

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco